Se vinco vi rottamo, se perdo porto gli amici in Parlamento

Fuorionda di Matteo Renzi alla trasmissione 105 Friends su Radio 105 Network. In caso di sconfitta ‘portero’ un po’ di amici miei’ in Parlamento e ‘cerchero’ di avere un po’ di spazio, ma io non mi faccio comprare’, mentre invece ‘se vinco con la storia della rottamazione, tutti da me si aspettano questo: se non lo faccio mi vengono a rincorrere’. Lo ha affermato Matteo Renzi, candidato alle primarie del centrosinistra, nel fuorionda (visibile in streaming) della trasmissione 105 Friends su Radio 105 Network, di cui Renzi era ospite.Per quanto riguarda provvedimenti come l’abolizione del finanziamento pubblico dei partiti ‘questo e’ sicuro, lo fai nei primi 100 giorni o non lo fai’, ha aggiunto, e chi sara’ in lista per il Parlamento dovra’ dichiarare preventivamente che approvera’ tali provvedimenti e, ad esempio, che ‘rinuncera’ al vitalizio’.Renzi ha detto cosa accadrebbe in caso di sua vittoria alle primarie: ‘Io vinco, ho vinto, devo fare le liste, io dico, chi vuole stare con me?’, ha spiegato, dicendo come esempio che ‘allora, Letizia Puccioni e’ candidata in Parlamento? Letizia Puccioni firma un foglio col sangue che lei abolisce il finanziamento pubblico dei partiti, dimezza il numero dei parlamentari, riduce le indennita’ del parlamentare. Lo scrive prima. Vuoi candidarti? Se non lo fai, niente’.

Annunci

#Occupytv

Matteo Renzi nella sua newsletter del 3 novembre scriveva:

“Non abbiamo i TG, non abbiamo i giornali, non abbiamo i grandi mezzi di comunicazione.”

e in quella del 10 novembre:

“Però senza TV non si arriva alla maggioranza delle persone. E del resto non possiamo contare sulla collaborazione dei telegiornali. Nessun vittimismo, sia chiaro: ma se guardo i numeri rimango senza parole. Abbiamo infatti misurato il tempo che i vari TG-Rai della prima serata dedicano ai candidati.”

Pare che, terminato il suo tour per l’Italia, il sindaco di Firenze abbia parcheggiato il camper e sia deciso a occupare le tv: stasera sarà ospite di  Otto e Mezzo, domattina a Omnibus e domani sera a Ballarò

Che dire: occupytv

I bigliettini di Renzi

“Il buon Renzi riceveva costantemente i messaggi sul telefonino e li leggeva: nessuno di noi si era portato il cellulare. Questo ragazzo sembrava teleguidato”. Questa l’accusa lanciata da Laura Puppato, candidata alle primarie del centrosinistra che ieri sera ha partecipato al confronto tv organizzato da Sky Tg24. Puppato ieri sera aveva il podio accanto a quello del sindaco di Firenze, Matteo Renzi.

Non fate piangere Matteo

“Non abbiamo i TG, non abbiamo i giornali, non abbiamo i grandi mezzi di comunicazione.”
Scriveva Matteo Renzi nella sua newsletter del 3 novembre. Salvo informare, poche righe dopo ben 2 partecipazioni tv e 2 radio
“farò di tutto per conciliare questi ultimi venti giorni con qualche trasmissione televisiva (sono da Gad Lerner lunedì sera all’Infedele e da Lilli Gruber giovedì sera a Otto e mezzo) e radiofonica (Radio 24 martedì mattina alle 8.30 e RTL 102.5 per due ore con Nicoletta dalle 17 alle 19 martedì).”

Il copione si ripete, e così, prima di andare ospite a “Quelli che il calcio”, si lamenta dello spazio datogli dai tg Rai

‘Dal 17 ottobre al 6 novembre ci siamo messi con un cronometro a verificare lo spazio che hanno avuto i candidati – spiega Renzi – I Tg Rai della prima serata, quelli che contano, insomma, hanno mandato in video per 844 secondi Bersani, per 421 secondi Nichi Vendola, per 136 secondi il sottoscritto, per 35 Tabacci e mai la povera Laura Puppato.”

Qualcuno avverta il sindaco di Firenze che Bersani è il segretario del PD e, in quanto tale, viene intervistato e mandato in onda su temi come gli esodati, la legge elettorale etc.

“Arriverà un momento, anche in Rai – chiosa il sindaco  – in cui si faranno i servizi sulla base delle notizie e non sulla base dell’appartenenza. Oppure più semplicemente dello share”.

E a noi ricorda molto questo

  • Renzitweets

    Errore: Twitter non ha risposto. Aspetta qualche minuto e aggiorna la pagina.